Incontro con Luca Zingaretti

Domani giovedì 14 gennaio, alle 15.30, Luca Zingaretti sarà ospite a CFZ (Ca’Foscari Zattere/Cultural Flow Zone) dove converserà con Monica Capuani, Maria Ida Biggi e Flavio Gregori, ma sarà anche disponibile a tutte le domande del pubblico.

Il noto e versatile attore ha forse una delle carriere più interessanti nel panorama dello spettacolo italiano (si destreggia tra tv, cinema e teatro)

Nel 1982 Zingaretti si iscrive all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Specializzatosi in teatro drammatico entra a far parte della compagnia del grande regista Luca Ronconi,  con il quale allestirà, tra gli altri, il Tito Andronico di Shakespeare, Santa Giovanna di Shaw, Le tre sorelle di Cechov, Bent di Sherman, …
L’esordio cinematografico è del 1987 con il cineasta Giuliano Montaldo che lo scrittura per un ruolo secondario nel suo allestimento del romanzo di Giorgio Bassani, Gli occhiali d’oro.
Ma la notorietà gliela darà l’approdo televisivo non tanto grazie ai due film di Gianluigi CalderoneIl giudice istruttore (di Florestano montalbanoVancini e Gianluigi Calderone ) e Il giovane Mussolini (con un giovane Antonio Banderas); bensì qualche anno più tardi
il ruolo de il boss mafioso Pietro Favignana in La Piovra 8. Nel 1999 arriva poi il ruolo che l’ha reso mitico e gli resterà davvero appiccicato addosso, il commissario Montalbano (Il ladro di merendine): un’interpretazione perfetta che lo porterà a un successo enorme planetario, tanto che il personaggio tratto dai ricchi gialli di Camilleri continua a vivere fino a oggi, diventato ormai fenomeno di costume.

Per la tv interpreta anche la bellissima miniserie storica Perlasca. perlasca2Un eroe italiano , tratta dal romanzo “La banalità del bene” di Enrico Deaglio, con un ottimo riscontro di pubblico e critica, provando così ancora una volta di non essere solo “Montalbano”. Torna in un ruoli d’ambientazione storica intorno alla II Guerra mondiale (sia al cinema che in tv) con l’ interessantissimo e difficile Texas ’46 , la commedia romantica Prima dammi un bacio,la miniserie Cefalonia di Riccardo Milani e Sangue pazzo di Marco Tullio Giordana.

Specializzato in ruoli complessi, difficili e soprattutto non scontati, alla luce del solenon si possono non citare altri film come Alla luce del sole, sulla vita del parroco Don Puglisi, ucciso dalla mafia, I giorni dell’abbandono, dove è il marito fedifrago di Margherita BuyMio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti,  Noi credevamo, di Mario Martone e Perez di Edoardo De Angelis.

In tutto questo continua interpretare l’amato Montalbano, a lavorare in tv (del 2014 è Il giudice meschino) e a lavorare anche a teatro, persino come regista (vedasi La Sirena).

Una curiosità..lo sapevate che tra tante nomination e premi, ai Nastri d’argento ne ha vinto anche uno come doppiatore in Alla ricerca di nemo?

Ed occhi qui a oggi, domani sarà a Venezia, l’ingresso all’evento è su prenotazione (scrivete a eventi@unive.it), fino a esaurimento dei posti disponibili.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *