L’Iran ospite a Bologna: dieci giorni di teatro e cinema

Quando le giornate estive si allungano la tentazione di stare a zonzo la sera e scovare qualche evento interessante, si sa, diventa incalzante. Vi diamo uno spunto: se vi trovate nei paraggi di Bologna fino a domenica potete fare un salto in Iran. La situazione sembra un po’ confusa, ma ora ci spieghiamo meglio.

All’interno del Parco dei Pini, a pochi minuti dal centro cittadino, c’è una meravigliosa struttura calata nel verde. Si tratta di quella che è stata per lungo tempo una struttura comunale adibita a piscina, che una volta dismessa si è trasformata in uno dei fulcri della vita culturale bolognese per chi ama il teatro. L’associazione Teatri di Vita, che ha ridato vita alla struttura, propone una volta terminata la stagione teatrale un festival che per dieci giorni sviluppa una programmazione intensissima di teatro, cinema, incontri su un paese estero.

Ad aprire i battenti dell’ex piscina quest’anno è “Cuore di Persia” che, iniziata il 30 giugno, prosegue fino a domenica 10 luglio tutti i giorni dal tardo pomeriggio. Le possibilità a questo punto sono molteplici. Vi consigliamo per iniziare di entrare nel giardino, scendere in piscina (che già di per se da l’idea di freschezza) e scegliere un tavolo nel quale sistemarvi. A questo punto potete scorrere il menu, scegliere che piatto persiano solletica il vostro palato e nell’attesa ordinate un bicchiere di vino o una birra fresca mentre assistete al primo incontro all’ora dell’aperitivo. Ogni sera alle 19.00 scenderanno con voi in piscina il direttore artistico e un’ospite per parlare di un aspetto della cultura persiana; per farvi un esempio, ci sono state lezioni di farsi, chiacchierate con reporter che hanno immortalato le strade di Teheran, ma anche spiegazioni sul videogioco Price of Persia.

Finito l’incontro tutti fuori dalla piscina perché se volete potete assistere, prima dello spettacolo internazionale, alla produzione “L’omosessuale o la difficoltà di esprimersi” che viene messo in scena con successo da quattro anni, senza perdere mai appeal.

Arriva l’ora di entrare in sala, se avete scorso il programma avrete sicuramente scelto lo spettacolo che più vi aggrada, ma, ne siamo convinte non sarà l’unico. A giorni alterni calcano la scena compagnie internazionali provenienti dall’Iran che propongono spettacoli in anteprima nazionale. Oltre a Moj Theter con due spettacoli, anche Yase Tamam e Max Theater Group con Macbeth.

Se avete voglia di continuare, non preoccupatevi perché gli organizzatori non vi faranno stare fermi; prossima tappa di nuovo la piscina, dove ogni sera verrà letta una lettera spedita dall’Iran alla quale da voce un diverso interprete. Chi come noi è un infaticabile amante delle pellicole, sarà molto tentato dall’ultimo step in programma: la sala si riempie di nuovo per la proiezione di un film iraniano, spesso in anteprima nazionale.

Abbiamo finito, la piscina vi aspetta se volete bere un’ultima birra e poi tutti a casa, salutiamo l’Iran e torniamo a Bologna, almeno fino a domani.document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);

Share This: