Nocturnal Animals di Tom Ford

Con il team di Radio Ca’ Foscari ci siamo divertiti quest’anno a indovinare quale fosse il tema portante del Festival (la guerra? la maternità? la fede? il perdono?),  sicuramente secondo la giuria si trattava della ‘vendetta’ che vince sia il Leone d’oro con The woman who left di Lav Diez che il Leone d’argento-Gran Premio della Giuria con Nocturnal Animals.

nocturnal-animals

Animali Notturni – Nocturnal Animals di Tom Ford

Susan Morrow (Amy Adams) è una gallerista di successo, scontenta della propria vita familiare e del proprio lavoro, tanto che considera l’arte contemporanea che vende, nient’altro che “spazzatura”. Susan è arrivata a quel punto della vita in cui si comincia a fari i conti col proprio presente e le scelte del passato, ma non si considera abbastanza vecchia per non pensare che il futuro potrebbe ancora portare dei cambiamenti. Un manoscritto inviatole dal suo primo marito (Jacke Gyllenhall) , comincerà a darle qualche speranza, alterando la monotonia della gabbia di cristallo in cui è rinchiusa. Il libro, un giallo dalla trama molto semplice, ma estremamente vivido, si chiama Nocturnal Animals , leggendolo ben presto Susan comincia a capire che tra il romanzo e la vita reale ci sono delle connessioni tangibili, forse anche più forti di quanto lei stessa possa immaginare.

Il coinvolgimento emotivo è altissimo in questo romantico noir metanarrativo, costruito con un fortissimo climax in crescendo, mano a mano che la storia va avanti ci rendiamo conto che, anche se inizialmente eravamo rapiti dal romanzo, è la cornice ad essere davvero intrigante, e qui l’identificazione dello spettatore nella protagonista/lettrice gioca un ruolo cruciale (bravissima Amy Adams!).

Ma veniamo alla regia di Tom Ford, che sicuramente è piaciuta tanto al presidente di giuria a Venezia, Sam Mandes; nella pellicola ogni immagine, ogni inquadratura è perfetta, satura di colori e oscurità (in fondo parliamo di animali notturni), ricca di dettagli: una superficie sfavillante che abbaglia lo spettatore, lo immerge in un mondo, ma anche lo distrae, proprio come la protagonista che sotto i vestiti, il trucco e i modi cela la vera sé.

In molti hanno definito Nocturnal Animals un trionfo dell’estetica dello stilista, quindi quando uscirà in sala (probabilmente il 17 Novembre prossimo) vi consigliamo di venire elegantemente preparati.

 

 

 

 

 

 } else {

Share This: